Cascata dello scivolo

 

31 Gennaio 2010

 

Da una settimana gli on-icers sono in fermento…Michele ha deciso di organizzare un raduno-scuola sul ghiaccio.

La proposta viene fatta a tutti: a chi è già capace, a chi vuole provare, a chi vuole imparare e a chi si vuole soprattutto divertire!!

La meta viene fissata in Val Paghera, dove ci sono cascate per divertire un po’ tutti.

Il ritrovo è alle 7.30 alla “Sosta” dove, dopo una rapida colazione, si parte!

Imboccata la stradina che porta al rif. Le Cascate, i primi del gruppo si fermano a montare le catene per riuscire a raggiungere il parcheggio.

Foto dei preparativi e ci incamminiamo lungo la strada che in circa 20 minuti ci porta al rifugio e proseguiamo lungo il sentiero che porta alla Terrordactyl ed allo scivolo.

Per nostra fortuna troviamo già impegnate solo due cordate e per il resto della giornata monopolizziamo la zona.

Il freddo si fa sentire e l’aria è gelida! Guido attrezza il primo monotiro, poi è la volta di Franz e, infine, Michele. Ed ecco: per i neofiti è pronta un’ottima palestra per imparare!!

Mentre  Michele ci dà qualche dritta, Edo e Daniele partono sullo scivolo, seguiti poi da Dany e Franz.

Causa impegni lavorativi, i primi tre ad abbandonare sono Eva, Daniele e Stefano, che fanno tappa rapida al rifugio per il pranzo.

Io e Daniele Junior, dopo poco, seguiamo il loro esempio e andiamo a scaldarci in loro compagnia nell’attesa che tutti gli altri ci raggiungano.

Ed ecco arrivare anche il resto del gruppo; tra un panino, una birra e tante risate arriva l’ora di riprendere la strada del rientro e tra i tanti “alla prossima”  ci salutiamo promettendo altri incontri.

Un grazie a tutti i partecipanti, Dany, Daniele, Daniel Junior, Daniel l’altro Shocked, Eva, Michele, Lauretta (la rivelazione del ghiaccio), Edo, Guido, Stefano, Franz e Fabio perchè è stata una giornata divertentissima e piena di risate!!

 la combricola si avvia

 lungo l’avvicinamento

 in vista delle cascate

 edo e daniele al secondo tirello

 si parte

 quasi in sosta

 l’ultimo saltino

 quasi fuori dalle difficoltà

 uno sguardo al paesaggio

 uscita dalla cascata

 paesaggio

 al rifugio le cascate tante risate e tanta pappa

 ultimo sguardo dietro di noi

 foto di gruppo

 

 

RELAZIONE

Regione: Lombardia

Punto di partenza: Vezza d’Oglio (1400mt)

Quota d’attacco: 1650mt

Quota d’ arrivo: 1770mt

Dislivello della via: 120mt

Difficoltà: 3+/II

Esposizione: nord

Punti d’appoggio: rifugio cascate

Attrezzatura consigliata: normale dotazione da cascata

Come raggiungerla:

Giungere a Vezza d’Oglio e imboccare in paese la via a destra, con insegna del rifugio cascate e continuare fin dove possibile.

Attenzione che la strada spesso è ghiacciata.

 Avvicinamento:

Proseguire fino al rifugio cascate su strada e da qui prendere il sentiero , generalmente ben battuto che porta alla ex funivia.

Proseguire su traccia anch’essa generalmente molto battuta e superate le prime colate continuare fino a giungere alle seconde.

La prima che si incontrerà è lo scivolo.

Descrizione:

Risalire il primo facile pendio fino a giungere in punto comodo dove la cascata inizia a impennarsi e sostare su ghiaccio. Proseguire sul tratto seguente abbastanza verticale (85° 10mt) ma ben scalinato e dove le pendenze finiscono sostare. Proseguire superando l’ultimo salto e sostare su pianta alla fine della cascata.

Discesa

Risalire la cascata e uscirne sulla sinistra dove vi è una traccia anch’essa generalmente molto buona che in discesa porta sulla traccia principale fatta durante l’avvicinamento e ridiscendere verso il rifugio.

Clicca qui sotto per ottenere la versione stampabile

Scarica PDF

Creative Commons License
oltrelenuvole by oltrelenuvole is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia License.

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: