2° canale da sx parete est

16 dicembre 2007

 

 

 

In compagnia anche di Daniele, in tarda mattinata ci incamminiamo  per il Pizzo Tre Signori. Dopo un’ oretta di cammino Linda ci abbandona per problemi di vesciche causate dai nuovi scarponi e così proseguiamo io e Daniele.

Arrivati alla sfinge, dopo 3 ore di cammino guardiamo verso i canali che salgono in vetta.Guardiamo il primo ma non riusciamo a capire come superare un salto così le nostre attenzioni si spostano sul secondo;ci domandiamo se qualcuno lo avesse percorso in passato,anche perchè di relazioni o notizie non avevamo trovato nulla. Vediamo che la salita è logica e la pendenza non è molto accentuata(circa 50°) così decidiamo di provare.

Arrivati a tre quarti dalla cresta troviamo neve non portante così ci spostiamo verso la roccia con passaggi di II° che ci porta direttamente in cresta. Un vento fortissimo e un freddo pungente dopo un paio di foto ci fa scappare e iniziamo la discesa dal pendio della normale. Arrivati alla base della parete ci ridirigiamo per il lungo sentiero e dopo un paio di ore,col buio, arriviamo alla macchina.Giornata stupenda ma veramente distruttiva per lo piu’ per i 1650 metri di dislivello in salita e altrettanti in discesa.

 

RELAZIONE

Regione: Lombardia

Gruppo montuoso: Orobie

Punti d’appoggio: nessuno

Dislivello:1632 mt

Tempo di percorrenza: 4.30 ore

Difficoltà:  AD  50° III°

Materiale: n.d.a.

periodo: inverno – primavera

esposizione:  salita sentiero sud – canale a est e discesa a ovest per poi passare a sud

 

  • Descrizione itinerario

 Da Ornica risalire la mulattiera e sucessivi pendii fino alla baita Costa. Proseguire per sentiero ora pianeggiante fino alla baita ciapelli e la baita Pedroni.

Ad un certo punto si troverà un bivio che svolta verso sinistra, ignoratelo e proseguite verso destra superando ripidi pendii fino ad arrivare al famoso Torrione della Sfinge, chiamato così per l’assomiglianza.Da qui si entra nella bocchetta d’Inferno e, aggirato il primo sperone del pizzo dei Signori imboccare il secondo canale da sinistra, riconoscibile essendo il più largo di tutti a forma conoidale.Risalirlo senza difficoltà fino ai tre quarti della lunghezza e, se si dovesse trovare poca neve e terreno instabile come noi, piegare sulle rocce di destra (tastare bene) e risalire in arrampicata con passaggi omogenei attorno al III° fino al pianoro sotto la vetta.Da qui risalire l’ultimo pendio di pochi metri e arrivare in vetta dove vi è infissa una croce.

Non sono state trovate relazioni inerenti alla via di salita.

 

  • Discesa

Utilizzare la via normale di discesa:

 Dalla croce ridiscendere verso sud il pendio risalito e arrivati sulla selletta nevosa scendere dalla parte opposta della salita (ovest)fino alla colonnina del telesoccorso. dove si piega a sinistra e per pendii (sud) si ridiscende sul sentiero di salita all’ altezza della sfinge.da qui ripercorrere il sentiero o traccia della salita.

 

 Clicca qui sotto per ottenere la versione stampabile

Scarica PDF

 

 

 

Creative Commons License
oltrelenuvole by oltrelenuvole is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia License.

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: