Canale senza nome a sinistra del Pagani:

 

21 Febbraio 2009

Che giornatona!!!

Partiti per fare la cresta Segantini, arrivati al canale Pagani e risalito la scaletta metallica, ci troviamo davanti ad un canale a noi sconosciuto e, per sbaglio e un po’ per la curiosità di dove arrivasse, abbiamo deciso di percorrerlo.

Partiamo subito su pendenze elevate (70°) per 150 metri  e poi continuiamo sui 55° con alcuni tratti di misto (max I°) per altrettanti 50 metri fino all’uscita su di una cresta.

Appena giunti notiamo cosa ci avrebbe aspettato: una crestina esposta e finissima da superare lunga una ventina di metri e una successiva cresta più larga da arrampicare.

Partiamo con un po’ di esitazioni sulla crestina, ma poi spediti a tiri di corda per la successiva cresta rocciosa, superiamo un paio di saltini per poi abbassarci e andare a connetterci su una successiva cresta dove vediamo, sotto 150 metri di dislivello il canale Pagani che sale, e così decidiamo di  continuare a costeggiarlo.

Superato un lungo traverso arriviamo davanti ad una parete: controlliamo bene il percorso e visto che non vi sono altre alternative se non arrampicarci per una cinquantina di metri senza sapere dove saremmo sbucati, decidiamo di allestire una sosta su spuntone e da qui andare a ricollegarci al canale Pagani. Solo dopo ci siamo accorti che se superavamo quella parete saremmo arrivati al termine del canale Pagani.

Fatta la calata giungiamo all’altezza della famosa lingua del canale Pagani così, percorso anche  questo canaletto sui 55°, giungiamo sull’ultima cresta che ci porta in vetta alla Grignetta verso le quattro e mezza del pomeriggio.

Durante la salita della lingua pensavo a quanto la Grignetta in inverno diventa selvaggia e a quanti percorsi che si possono trovare per giungere in vetta.

Percorso vario e veramente bello…sicuramente uno dei più bei percorsi fatti sulla Grignetta…chissà se qualcuno per sbaglio e con tanta curiosità come noi l’ aveva già percorso in passato.

Comunque……..grazie Grignetta che, come sempre, ci hai fatto divertire anche questa volta.

prima pendenza sui 70°

DSCN4270verso metà la pancia ci fa respirare

DSCN4275

canale dall’alto dopo il misto

DSCN4277

la cresta affilata

DSCN4290

proseguendo in cresta

DSCN4289

proseguono tratti in cresta

DSCN4292

la calata verso la lingua del pagani

DSCN4299

la lingua del pagani

DSCN4301

verso la vetta della Grignetta

DSCN4304

cornice sulla direttissima

DSCN4306

spettacolare tramonto

DSCN4314

 

RELAZIONE

 Regione: Lombardia 

 Gruppo montuoso: Grigne

 Punti d’appoggio: Bivacco ferrario e Rifugio Porta

 Dislivello: 900 mt

 Tempo di percorrenza: noi ci abbiamo impiegato tantissimo (8 ore totali) ma conoscendo il tragitto presumo 5 ore dal rif. Porta

 Difficoltà: AD+ / 70° / I°misto / III° roccia

 Materiale: n.d.a. portare frinds varie misure, 2 picozze tecniche, 1 mezza corda da doppiare

 Periodo: inverno-primavera

 

  • Come raggiungerla

Da Lecco prendere la strada che porta in Valsassina e arrivati alla fine della superstrada, alla rotonda prendere la seconda uscita in direzione dei piani dei Resinelli.

Prima di arrivare alla piazza con i parcheggi seguire le indicazioni per il rif. Porta.

 La macchina si parcheggia prima dell’ ultima salita,posta sulla sinistra che porta al rifugio

 

  • Descrizione salita

Dal rifugio Porta seguire il sentiero per la direttissima e arrivati al canale Pagani salire sulla scaletta metallica infissa nella parete.

Sbucati dal corridoio roccioso e trovatosi davanti un cartello di divieto d’accesso si è arrivati!!!sulla destra si può notare la linea da seguire.

Fatti i primi 200 metri con pendenze che vanno dai 70° all’ inizio e i 55° sopra si arriva dove il canale perde un po’ di pendenza e qui,noi abbiamo trovato tratti di misto sul I° grado.superatoli si arriva dopo poco alla fine del canale.qui si presenta una crestina molto affilata da superare e giunti alla sua parte opposta inizia la cresta rocciosa dove noi, a tiri di corda abbiamo superato fino, dopo 200mt, arrivati ad un paretone roccioso abbiamo allestito una sosta(lasciata in loco) e ci siamo calati nel sottostante canale pagani all’ altezza della famosa”lingua”.Da qui abbiamo proseguito sull’ ultima pendenza attorno ai 50° e con comoda cresta arrivati ad allacciarci sulla traccia principale della cresta cermenati che in pochi minuti porta in vetta.

  • Discesa

    varie sono le possibilità di discesa…ne elencherò alcune:

  1. cresta cermenati (F)
  2. canale pagani (F+)
  3. sentiero delle capre (PD-) 

 

Clicca qui sotto per ottenere la versione stampabile

Scarica PDF

 

 

Creative Commons License
oltrelenuvole by oltrelenuvole is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia License.

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: